Barrique – La terza vita del legno mostra globetrotter

Sostenibilità, riciclo e recupero.
Queste le 3 parole-chiave che hanno ispirato oltre quaranta creativi di fama internazionale – Michele De Lucchi, Patricia Urquiola, Daniel Libeskind, Antonio Citterio, Mario Botta, Claudio Bellini, Gualtiero Marchesi e Arnaldo Pomodoro, solo per citarne alcuni – ad interpretare per via di metamorfosi i legni delle barrique, botti da 230 litri tradizionalmente utilizzate per la stagionatura del vino, sia bianco che rosso. Il progetto Barrique è oggi una collezione permanente che ogni anno si arricchisce di nuovi contributi artistici.

Questa raccolta unica dopo essere stata protagonista in Georgia, grazie all’Ambasciata d’Italia a Tblisi è arrivata in Valtellina proprio nei giorni della vendemmia, il momento culminante dell’eroica viticoltura valtellinese, una delle molte eccellenze italiane riconosciute a livello internazionale. Il paesaggio viticolo valtellinese è un unicum in Europa che, grazie ai suoi conoidi di deiezioni e al sistema antichissimo dei muretti a secco e dei terrazzamenti, garantisce la sussistenza di quasi 1.000 ettari di vigneti coltivati, principalmente a Nebbiolo e Chiavennasca. La mostra – non a caso – viene ospitata come di consueto presso la Galleria Credito Valtellinese che, ricavata nei locali della corte rustica del settecentesco Palazzo Sertoli, era appunto anticamente adibita alla torchiatura dell’uva e ne conserva l’originale struttura a volte, occupando una superficie di circa 120 mq. articolata in tre diversi locali.

In questa cornice suggestiva sarà individuato un percorso espositivo caratterizzato dall’annullamento dei tradizionali supporti (basi, teche, piedistalli) per valorizzare al massimo grado l’espressione stilistica e gli accorgimenti tecnici e costruttivi riservati dai progettisti agli oggetti ricavati da doghe dall’inconfondibile aroma tannico e dalla caratteristica coloritura vinaccia.

Per maggiori informazioni designlab.sanpatrignano.com

Coordinate mostra

Comments are closed.

Top